Contenuto principale

IMG 3946Il Museo del Beato Serafino Morazzone, posto di fianco alla neogotica Chiesa di Chiuso, dedicata nel 1903 a Santa Maria Assunta, ha sede nella attigua canonica restaurata nel 2010-13. Situato nel pittoresco borgo che ancora mantiene l’aspetto e il sapore antico descritto dal Manzoni, accoglie al suo interno cimeli dedicati alla vita del Beato, come pure un raro dipinto murale (1871) realizzato da Casimiro Radice (Milano, 1834 – Malgrate, 1908 ), pittore italiano, che raffigura La conversione dell’Innominato, episodio fondamentale dei Promessi Sposi. Poco discosto si trova la duecentesca (controllata data negli archivi di Lecco) Chiesa, legata al Museo stesso, ora dedicata al Beato Serafino, che accoglie uno splendido ciclo di affreschi medievali. 

tre tetti sirtori2Con fisionomia museale rara, forse unica, i 3 Tetti di Sirtori non si presentano come rassegna di opere, ma come articolatissima opera complessiva dentro la quale si cammina. Arte del paesaggio, arte della luce, architettura, scultura, pittura, design si intrecciano senza confini con la poesia e la musica fino alla spazializzazione dei suoni, costruendo un unicum polisemico, dove il vero protagonista è il metalinguaggio che le unisce.

morterone 2Il Museo di Arte Contemporanea di Morterone nasce a metà degli anni Ottanta del secolo scorso per volontà dell'Associazione Culturale Amici di Morterone con l'intento di presentare nel territorio del comune, il più piccolo di Italia situato ai piedi del Resegone, e al centro delle riflessioni del poeta Carlo Invernizzi, una serie di opere di scultura e pittura di artisti italiani ed europei, creando un vero e proprio museo all'aperto nel rispetto del paesaggio incontaminato.

image (2.09 MB)

35 GCastiglioniGiannino Castiglioni è la figura di maggior rilievo fra i numerosi artisti che hanno soggiornato a Lierna. Il museo a lui dedicato è attualmente in fase di costituzione e destinato a raccogliere i calchi preparatori in gesso che gli eredi hanno generosamente donato al Comune.

FondazioneGiuseppeMozzanicaLa Fondazione Giuseppe Mozzanica di Pagnano, frazione di Merate, è nata per preservare e far conoscere l’opera di uno scultore e pittore schivo, restio all’autopromozione, legato a un’idea di lavoro artistico profondamente etica, prima ancora che estetica. Costituita nel 2007, la Fondazione ha il suo cuore nella gipsoteca, insieme scrigno e laboratorio, fatta costruire dall’artista stesso negli anni Cinquanta nella corte della propria abitazione.

rossino parrocchialeNota per il celebre castello, la piccola località di Rossino a Calolziocorte ospita il Museo Parrocchiale S. Lorenzo Don Carlo Villa, dove si trovano importanti testimonianze pittoriche dell’area lombarda, suppellettili e oggetti liturgici di straordinaria ricchezza.

varennaVillaMonasteroNata da un antico monastero femminile di fondazione cistercense dedicato a Maria Vergine, Villa Monastero a Varenna deve il suo aspetto di dimora eclettica ai molti interventi di risistemazione che si sono sovrapposti in nove secoli di vita.

MoggioNella parte meridionale del borgo vecchio di Moggio, il Museo Liturgico Etnografico di proprietà della parrocchia ripercorre uno spaccato della storia degli abitanti e del territorio limitrofo, alla scoperta di usanze, ritualità, tradizioni e antichi mestieri.